Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. 

Proseguendo la navigazione o cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.

logo comune

Cristina La Spada

Catturare gli attimi quotidiani per rappresentare il lato più nascosto dell'uomo: il Teatro del Mela si apre all'arte, in tutte le sue forme.

LocandinaDal 9 al 14 febbraio, in concomitanza con il secondo spettacolo della Rassegna dialettale 2014, intitolato "Ferdinando", il pubblico del Teatro del Mela avrà la possibilità di visitare la mostra fotografica di Cristina La Spada denominata "I 7 vizi capitali e le 7 virtù divine". "La mostra – scrive l'artista – vuole essere un connubio degli opposti, un percorso tra vizi e virtù, tra i quotidiani e peccaminosi comportamenti e le consapevoli e liberatrici scelte di vita". Tra luci e ombre Cristina La Spada vuole mostrare all'occhio dell'osservatore attento la parte più nascosta dell'uomo, cogliendo con uno scatto fotografico attimi di vita quotidiana. La mostra sarà visitabile di mattina oppure di sabato e domenica pomeriggio.

Cristina La Spada

 

Cenni biografici. Cristina La Spada è nata a Messina, nel 1991. Studia Lingue e Letterature Straniere all'Università di Messina. "Uno dei pochi modi con cui riesco a esprimermi è proprio la fotografia" dice Cristina quando parla di sé. Ama gli animali, la natura e lo sport e da qualche anno è vegetariana. Nel 2008 si accosta al mondo della fotografia. Cristina La Spada ama sperimentare nuove tecniche: "Si può osservare la stessa fotografia e avere reazioni diverse, si può credere che sia mediocre oppure che sia originale; poiché essa trasmette ad ognuno di noi emozioni e sensazioni uniche e diametralmente opposte".